Cerca destinazione
Cerca in Italia
Cerca all'estero
V News

E' nelle librerie il volume con gli "atti" del convegno su "Diritti umani e integrazione culturale nell'area del Mediterraneo" che si è tenuto, a cura dei Club UNESCO di Modena e Reggio Emilia, il 13 dicembre 2013 a Reggio Emilia. Proponendo i testi integrali delle relazioni, degli interventi e delle proposte, l'opera consente di aggiornare le conoscenze sulle strategie dell'UNESCO, sulle iniziative realizzate dal Forum Internazionale delle Donne del Mediterraneo nonché sulle scelte anticipatrici, di solidarietà con la lotta all'apartheid e di attività per le pari opportunità e per la tutela delle donne in difficoltà, da parte della città di Reggio Emilia

Se il turismo tradizionale soffre ancora la crisi, le vacanze nei Parchi e nelle Aree protette registrano un altro segno più. Lo dimostrerebbe l'XI Rapporto Ecotur sul Turismo natura, redatto da Istat, Enit e Università dell'Aquila.

Ecco i primi risultati dell’A-bici della ciclabilità, ricerca Legambiente, Rete Mobilità Nuova, bikeitalia.it. Bolzano e Pisa città leader della mobilità nuova, Pesaro, Mestre e Ferrara le più pedalabili, Roma e Torino in coda

Fenicotteri rosa che si posano delicatamente sul’acqua, boschi incontaminati e antiche foreste sommerse, prodotti tipici e un’accoglienza davvero unica. Nel Parco del Delta del Po Emilia-Romagna c’è Primavera Slow, tre mesi di eventi, fino al 22 giugno, per scoprire, vivere e conoscere la vasta area naturalistica protetta che si estende tra Ferrara e Ravenna. Paesaggi incantevoli aspettano gli appassionati della natura e tutti coloro che vogliono trascorrere qualche giornata di relax all’insegna, appunto, di ritmi ‘slow”.

Due appuntamenti podistici, due gare che si svolgono in uno degli angoli più belli della provincia, tra Montisi e San Giovanni d'Asso, nelle terre del tartufo e della Giostra di Simone

In attesa di mettere online la versione rinnovata del sito www.rosiabike.it, con una veste più intuitiva e ricca di contenuti, i ragazzi delle Terre di Siena annunciano con grande entusiasmo che anche per il 2014 proporranno tre grandi eventi che comporranno il calendario del GRAND TOUR DELLA VAL DI MERSE.

  Lo sguardo del viaggiatore
Articoli recenti
Lo sguardo del viaggiatore

Afrikaans: GesÎende Kersfees, Albanese:Gezur Krislinjden, Arabo: Idah Saidan Wa Sanah Jadidah
Armeno: Shenoraavor Nor Dari yev Pari Gaghand, Azerbaijan: Tezze Iliniz Yahsi Olsun Bahasa (Malesia)

Lo sguardo del viaggiatore
Lo sguardo del viaggiatore

Viaggiatori.com festeggia 15 anni di vita. Nato come magazine di scrittura sui viaggi, arti figurative, cultura e lentezze ha per tema tema centrale  quel certo modo di concepire il viaggio come desiderio di cambiamento interiore

Lo sguardo del viaggiatore

Con questo nuovo e sorprendente "Viaggio in Italia" Maurizio Galimberti prosegue la ricerca fotografica dedicata a luoghi, spazi, paesaggi e orizzonti. Tra le diverse traiettorie possibili, Galimberti cerca l'astrazione, ma deve fare i conti con il senso di appartenenza, con i punti fermi e riconoscibili delle architetture, con il fascino delle piazze

Lo sguardo del viaggiatore

Era un'idea geniale, ma qualcuno ha trovato immediatamente il modo di metterla in una riserva per handicappati: piste ciclabili si chiamano. La bicicletta è il modo inventato per dare il massimo della libertà a tutti e il massimo della democrazia a una città.

Lo sguardo del viaggiatore

Il giovane cervo pascolava nella quiete della valletta appartata.
 Era l’immagine della bellezza e della vita più splendidamente sventata al suo culmine. Col muso chino continuava a strappare ciuffi d’erba attorno allo stagno brucando in una pacatezza tanto assorta da non accorgersi che lì a poca distanza si era fermato un estraneo che in silenzio l’osservava.

Lo sguardo del viaggiatore

Il tema del viaggio inteso come rappresentazione visiva disegnata dell’esperienza personale e vissuta del partire e del tornare: dalla preparazione al viaggio di partenza a quella del ritorno, dai saluti delle persone

Lo sguardo del viaggiatore

Al mattino risalgo l’argine, cammino verso il fiume e la sua luce. L’incanto delle cose, immobili al loro posto, mi sgomenta. Poi, a poco a poco, un’increspatura sull’acqua rompe l’incantesimo e gli uccelli come ad un segnale si muovono

Lo sguardo del viaggiatore

Pochi mesi fa ho deciso di smettere di buttare via soldi in cose inutili...una delle quali era proprio la benzina! E’ stato semplice, mi è bastato andare in soffitta e rispolverare la vecchia bicicletta da corsa recuperata nelle immondizie.... Diaro fotografico del cicloviaggiatore Claudio Busatto che ha percorso l'Italia in bicicletta in solitario ma incontrando persone meravigliose lungo il suo tour.

Lo sguardo del viaggiatore

Il concorso “Lo Sguardo del Viaggiatore e il racconto dei luoghi” è rivolto a coloro che percorrono meridiani e paralleli di questo mondo prediligendo i ritmi lenti di una volta, raccontati, fotografati ed illustrati con i colori e la mente dei viaggiatori d’altri tempi.

Lo sguardo del viaggiatore

Dal giorno in cui mi è stata concessa l’autonomia velocipede, il mio territorio si è meravigliosamente ingrandito. In Bretagna, i pochi chilometri guadagnati mi aprivano dei mondi: da un lato il mare (le spiagge attraverso piccoli sentieri...

Lo sguardo del viaggiatore

Il viaggio è una parola nobile e si riferisce solo a chi lo fa a piedi. I nostri biglietti andata-ritorno verso località più o meno remote sono da chiamarsi spostamenti. Viaggio è cammino senza biglietteria e data di ritorno.

Lo sguardo del viaggiatore

…A noi che non amiamo l’estate, sembra che il tempo di agosto duri circa otto mesi. Ci piace andare al mare. Il primo giorno, un po’ anche il secondo. Poi basta. Perché in fondo, quando vai al mare, anche quando è un mare bellissimo come c’è in molte coste italiane,  più che altro puoi farti il bagno. E poi? E quanto può durare un bagno? Facciamo mezz’ora, per esagerare. No, facciamo di più: un’ora. E poi? Tutto il resto del tempo? Tutto il resto delle vacanze?..."

Lo sguardo del viaggiatore

La strada a Milano era un istituto della sua civiltà: passeggio, giochi, incontri, dialogo, un tramite tra la vita privata e la vita pubblica. Ancora negli anni Cinquanta nelle sere d’estate le famiglie mettevano le sedie sul marciapiede e occupavano la strada come una stanza di casa. Si facevano quattro chiacchere, si viveva la città.

 
Segui
Viaggiatori.com